#deletefacebook e immobiliare: come in amore, vince chi fugge?

Bye Bye Facebook

Non è un gran momento per Facebook, è innegabile. Questa storia con Cambridge Analytica ha sollevato questioni importanti legate alla gestione dei dati e alla privacy degli utenti. E così, alcuni importanti brand hanno dato il via all’esodo dal social network che dal 4 febbraio 2004 ha cambiato molte delle nostre abitudini, creandone anche di nuove.

SpaceX, Tesla, Playboy, pagine con milioni di followers chiuse o sospese per manifesto dissenso verso le politiche di Facebook, nonostante il pubblico mea culpa del suo amministratore delegato Mark Zuckerberg.

Il datagate è stata la ciliegina sulla torta del gradimento dopo l’introduzione del nuovo algoritmo che ha limitato molto la visibilità delle pagine aziendali, costringendo tutta l’utenza business che utilizza i social network come una porta di accesso alla rete dei contenuti, alle persone, al mercato, a rivedere le proprie strategie di comunicazione mettendo mano al portafoglio.

Questo momento di riflessione è arricchito da dibattiti legati all’importanza di focalizzarsi su un media proprietario come il blog, dove le regole non le scrive o cambia il dominus di turno, senza preavviso, o con un preavviso di poche ore via email (come nel caso del raddoppio, senza tanti preamboli, del canone annuo di Amazon Prime). E’ davvero il momento quindi, di dare retta a Brian Acton, che ha venduto Whatsapp proprio a Facebook nel 2014 per 19 miliardi di dollari, quando twitta: “It is time. #deletefacebook“?

Agenti immobiliari e comunicazione sociale

Mettendo da parte emotività e disappunto, è ragionevole immaginare un mondo senza Facebook o comunque senza quella socialità a cui ci ha educato la tecnologia istruendoci con device sempre più evoluti? Chi ha voglia di tornare ad una tastiera in rilievo per telefonare? Siamo davvero pronti a rivedere il modo in cui ci connettiamo con gli altri e condividiamo momenti e ricordi?

La partita assume contorni ancora più importanti se riflettiamo sulle opportunità che hanno aziende e professionisti mettendo a frutto le opportunità del web: velocità di comunicazione, coinvolgimento di un elevato numero di persone, generazione di relazioni, sviluppo di credibilità e autorevolezza, di fiducia. Ricordiamo che comunicare bene significa costruire consenso, il consenso accresce la reputazione e la reputazione è profitto. Ed il web dei contenuti, insieme ai “media sociali”, rende più facile questo percorso anche per il singolo professionista che non ha accesso a budget milionari.

Facebook, una risorsa per l’immobiliare

Perché un agente immobiliare dovrebbe continuare a mantenere la propria presenza professionale su Facebook? Perché il social network che ha dato una casa virtuale a 2 miliardi di persone al mondo e ad oltre 30 milioni di italiani, rimane una porta di ingresso alle persone ancora ineguagliata per semplicità, flessibilità e bassi costi di accesso alle promozioni.

L’agente immobiliare dovrebbe fermarsi un attimo per mettere a fuoco alcuni aspetti che derivano anche dall’esperienza dei “colleghi d’oltreoceano”, dove Facebook viene utilizzato non solo attraverso la fan page, ma la connessione personale con i clienti viene incoraggiata, nel pieno spirito “social” di questo media. L’interazione personale (col commento ad un post, col like ad un contenuto, raggiungendo la persona virtualmente per il compleanno o per un evento importante della sua vita) viene facilitata grazie a questa piattaforma sociale. Non dimentichiamolo, il settore immobiliare è sempre stato e sarà sempre un business di persone.


Vuoi sapere come aumentare le interazioni con le persone?
Scopri subito come farlo con le visite virtuali di Realisti.co!


Ci sono aspetti ancora più pratici e irrinunciabili che derivano dall’utilizzo di Facebook. Quali? Eccone almeno 5:

  1. Pixel di Facebook: poche righe di codice che ti permettono di creare un pubblico pertinente, analizzando le visite al tuo sito web. Questo potente strumento ti permette di dare visibilità ai tuoi contenuti informativi e promozionali solo a persone che hanno manifestato interesse verso l’immobiliare di cui ti occupi. Questo significa che parlerai ad un uditorio predisposto all’ascolto e con un investimento economico ragionevole;

  2. Facebook Messenger: questa applicazione ti aiuta non solo a rimanere in contatto via messaggio con le persone, puoi anche creare gruppi di discussione, condividere mappe, immagini e link a contenuti;

  3. Note di Facebook: anche se per i puristi del blog queste note sono la cosa più inutile che abbia realizzato Facebook, in realtà possono rappresentare la via più breve per realizzare contenuti elaborati e diffonderli rapidamente, raccontare quindi la tua storia col vantaggio di tenere l’utente Facebook all’interno della piattaforma. Le note vanno bene per chi non ha voglia e tempo di dedicarsi alla realizzazione e alla gestione di un proprio blog, ma vuole solo concentrarsi sui contenuti, oppure a chi desidera mettersi alla prova prima di investire sul “media proprietario”;

  4. Effetto wow con foto e video a 360°: Facebook ti dà la possibilità di far vivere alle persone esperienze immersive grazie alla possibilità di caricare immagini e video a 360°, integrare virtual tour e coinvolgere emotivamente i potenziali clienti ancora prima che decidano di contattarti;

  5. Facebook Live: la frontiera del video è stata superata da Facebook grazie alla possibilità di realizzare video in diretta con un semplice smartphone. Rispetto al video tradizionale, il video live permette un “ingaggio” più importante grazie alla possibilità degli utenti di commentare e porre domande in tempo reale. Ancora una volta interazione umana e non solo visione passiva. Sono molti i casi di agenti immobiliari USA che realizzano live settimanali all’interno di gruppi dedicati per condividere informazioni e conoscenza, rafforzando così il legame con le persone, in linea con gli obiettivi del social blu di dare spazio “all’interazione sociale significativa”.

Il destino di Facebook è nelle mani degli utenti, pensare ad un trasloco di massa non è verosimile e poi, per andare dove? Mentre continuerai a seguire nelle settimane a venire tweet e topic trend sulle Cronache di Facebook, dove non mancheranno di certo i colpi di scena, mantieni la tua attenzione sulle persone che tengono vivo il social network, struttura e diversifica la tua architettura di comunicazione e metti a frutto le potenzialità di questa fantastica tecnologia.

Usa foto e video, crea contenuti testuali, sperimenta le video dirette, crea interesse e comunità intorno al tuo personal brand, miscela attività online con reunion offline, dai spazio alla creatività, diventa attrattivo per le persone, sviluppa la tua credibilità e ispira fiducia. Grazie a questo lavoro costruirai il tuo successo professionale.

Se in amore vince chi fugge questa volta, nella storia tra Facebook e l’Immobiliare, vince chi resta. Forse.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...