Come prosperare quando il mercato immobiliare si indebolisce

Il cambiamento è una costante

Prosperare quando il mercato immobiliare è penalizzato da un nuovo trend, non dovrebbe essere una necessità figlia dell’emergenza. Si tratta di un obiettivo che dovresti pianificare per tempo.

Anche se gli ultimi anni ti hanno regalato, in particolare dal 2014, un mercato con un numero di compravendite in crescita, non è detto che le cose vadano sempre così, anche nelle privilegiate aree metropolitane.

Il 3° Osservatorio Immobiliare 2019 di Nomisma, racconta come l’espansione delle compravendite residenziali (92% del totale) sia sostenuta dai capitali privati, mentre il credito immobiliare bancario è in riduzione (transazioni sostenute da mutuo passano dal 58,2% del 2018 al 51,8% del 2019).

Nomisma non gira intorno alla questione quando ti dice che: “se nel segmento residenziale non si può escludere un parziale deterioramento dell’attuale congiuntura, per gli altri comparti la situazione risulta già oggi precaria” e che “solo un’accelerazione della crescita economica, …potrebbe modificare lo scenario solo timidamente espansivo che altrimenti sembra profilarsi“.

Dov’è finito il tuo sorriso?

La visita virtuale è già parte della tua strategia di marketing?
Fare la differenza è un valore di posizionamento anche in tempi di crisi.
Pianifica subito la tua prossima mossa!

Appartenenza e Collaborazione: si, o no?

C’è una correlazione palese tra l’andamento delle transazioni immobiliari e la propensione degli agenti immobiliari verso l’aggregazione (franchising) e la collaborazione (utilizzo di MLS ed altre piattaforme di servizi).

Ad evidenziarlo è il report Reti e aggregazioni immobiliari 2019. In sostanza, se il trend delle compravendite è positivo, aumenta la spesa verso il franchising, ma si riduce la collaborazione. In epoca recente (2011-2014) al ridursi delle compravendite corrispondeva una forte crisi del franchising ed un aumento della collaborazione attraverso canali alternativi. 

Il comportamento generale degli agenti immobiliari dimostra come le decisioni siano figlie del momento e non come conseguenza di una visione di lungo periodo, di una programmazione aziendale responsabile.

Oggi hai a disposizione informazioni e dati in grado di suggerirti come pianificare il futuro della tua azienda. Perchè dovresti farti cogliere impreparato?

Essere trasparenti mentre collabori con un collega, gioca a favore della tua reputazione. Le visite virtuali di Realisti.co ti aiutano a generare fiducia nel tuo primo cliente: l’agente immobiliare.

3 consigli in vista di una nuova crisi

Se il concetto chiave è come prosperare quando il mercato immobiliare si indebolisce, dovresti adottare questi consigli pratici per rendere sicuro il tuo business a prescindere dalle oscillazioni del mercato immobiliare.

  1. Diversifica i servizi e assicurati nuovi flussi di cassa
    Diventa meno dipendente dalle vendite immobiliari. Alza le tue competenze legate alla consulenza ed esplora nicchie e mercati che sono sottoserviti nella tua zona. Locazioni, analisi patrimoniali, servizi di gestione immobiliare. Allargare la tua sfera di influenza ti metterà in contatto con nuove persone ed opportunità.

  2. Identifica i tuoi migliori clienti
    Investitori seriali, millennials, anziani, clientela commerciale: cerca e seleziona quella categoria di persone con le quali hai lavorato meglio, dove c’è sintonia di metodo e valori. Perché? Sarà più facile concentrarsi su di loro per creare relazioni personali, risparmiare tempo, ottenere referral nel lungo periodo.

    Organizza periodicamente un pranzo, una cena, un aperitivo per rinsaldare i rapporti. Quando ci si incontra di persona è più facile far emergere nuove occasioni di business.

    Inoltre, identifica colleghi che sai lavorare su quella stessa tipologia di acquirenti ed instaura una collaborazione strutturata.

  3. Identifica le principali fonti di contatto e misurale
    Portali immobiliari, blog personale, social media, advertising in generale:
    – Cosa genera più leads per la tua agenzia immobiliare?
    – Qual’è il ritorno sull’investimento (ROI), ovvero quanto ti costa generare un contatto?
    – Dei contatti generati, quanti diventano clienti produttivi (conversioni)?

Quando le provvigioni da compravendita diminuiscono, potrebbe essere necessario prendere decisioni difficili su come allocare euro di marketing. Se non hai le risposte alle precedenti domande, potresti scegliere sull’impulso del momento, sbagliando.

Prendi a cuore questi 3 consigli per snellire e rendere efficace la gestione della tua agenzia immobiliare.
Prosperare quando il mercato immobiliare si indebolisce è possibile, se sai come fare!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...