Smart working: 4 strategie per ottimizzare i risultati lavorando da remoto.

Le insidie del “lavoro agile”

Lo smart working o lavoro agile, è una modalità di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali (cioè puoi farlo anche fuori ufficio, in riva al mare, al parco, in un coworking). Ottenere il risultato è al centro dello smart working e, per raggiungerlo, occorre condividere azioni ed obiettivi all’interno di un ciclo temporale (entro quanto occorre raggiungere un certo obiettivo). Questa modalità, almeno sulla carta, aiuta il collaboratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorisce la crescita della sua produttività.

Nei mesi scorsi anche il settore immobiliare ha dovuto sperimentare questa forma di lavoro e ti sarai reso conto, tuo malgrado, di quanto in realtà possa essere assorbente di ogni energia. Alcune abitudini ti sono rimaste anche dopo, quando è stato possibile riaprire agenzie e uffici: vuoi dirmi che non guardi e rispondi alle e-mail di lavoro anche nel tempo libero? Che riesci a chiudere l’ufficio e a non lavorare durante il week-end?

Per evitare di cadere in uno stato di esaurimento e dipendenza da smart working e perché il suo svolgimento possa diventare sano oltre che proficuo, ti suggerisco alcune buone pratiche, utili sia a te che al tuo team. 

Le visite virtuali sono lo strumento perfetto per lo smart working!
Scopri come!

1. Diventa strategico

Essere strategici richiede un senso di fiducia nel proprio processo decisionale. Esso non può essere fondato su sicurezze a prova di bomba. Significa essere perspicaci, orientati al futuro, di mentalità aperta, proattivi, partire con il piede giusto e prendere decisioni in base a intuizioni ponderate, anche correndo qualche consapevole rischio. 

Un approccio strategico paga sempre. Se vivi e lavori alla giornata affoghi in un loop estenuante di giorni sempre uguali: se realizzi un modello strategico guardi avanti. Puoi considerare le eventuali esigenze future per organizzare il tempo da dedicare al lavoro, liberandone altro per darti sollievo e ricarica, e ragionare su come e quali parti della tua attività puoi delegare a qualche collaboratore, man mano che cresci.

Avere una strategia ti darà chiarezza e progettualità:

a) identifica i fattori di cui avrai bisogno per trasformare la tua attuale attività in una più strutturata e pronta a crescere;

b) concentrati sul tuo posizionamento nel mercato e riorganizza la piattaforma aziendale in modo da essere più attraente per i tuoi clienti.

2. Coltiva la tua “settimana perfetta”

Lo smart working è una creatura che va educata per evitare di essere fagocitati al 100%. Mentre lavori da casa, infatti, è facile che intervengano interruzioni e distrazioni. 

La giornata tipo di un agente immobiliare è già abbastanza impegnativa.

Per questo motivo è importante fare un favore a te stesso e ai tuoi affari e riprendere il controllo della tua vita. In quale modo?

Progetta la tua giornata perfetta: a tavolino, segna cosa ami fare e cosa non ti piace, quali attività faresti in quel giorno, dove e con chi.

Fallo seriamente, dedicandoci il tempo necessario. Fallo prima a livello personale, poi a livello aziendale. Quando il quadro è pronto, espandilo a livello settimanale, in modo da goderne un po’ ogni giorno. Scrivi tutto e impegnati a rispettare questa “tabella di marcia antistress”. Il risultato? Troverai più tempo per te stesso e affronterai con più leggerezza il lavoro, migliorandone i risultati.

Risparmia tempo nelle visite e nella prequalifica del cliente con le visite virtuali. Prova anche tu Realisti.co!

3. Concentrati sui tuoi valori non negoziabili

Per vivere ogni giorno in modo pieno e non trovarti in una rincorsa di sopravvivenza, è necessario avere chiari quali siano i tuoi punti non negoziabili, quelle cose che devono venir rispettate a prescindere dagli imprevisti quotidiani. Per essere “padroni del proprio sì” e “custodi del proprio no” rispondi a queste domande, sullo stile di vita, sulla vita personale e su quella professionale:

– dormo abbastanza?
– mangio e bevo in modo sano e adeguato?
– dedico del tempo all’esercizio fisico, all’aria aperta?
– condivido la compagnia di persone positive e allegre?
– cosa mi fa felice? Di cosa ho bisogno davvero?
– nella mia vita che posto hanno le relazioni personali, quale il lavoro?
– che tipo di organizzazione e preparazione richiede il lavoro?
– lavoro per realizzarmi, guadagnare abbastanza, vivere sereno o il loop produttivo è la mia unica ragione di vita?
– sono un lupo solitario o mi piace il lavoro di squadra? 

Rispondere a queste domande può darti la base per riconoscere quali siano i tuoi fondamentali non negoziabili, nella vita e nel lavoro.

Perché siano davvero utili e non si trasformino in elementi bloccanti è opportuno filtrare le risposte: alla fine questi “non negoziabili” dovranno essere massimo 9, scritti su un unico foglio di carta.

Rispettando questi tuoi non negoziabili, ti sentirai bene con te stesso e potrai essere presente al 110% per i tuoi cari, i tuoi colleghi e, non ultimi, i tuoi clienti.

Grazie alle visite virtuali i tuoi immobili sono presenti 24/7 sul web! Non perdere più clienti ed occasioni di collaborazione con i colleghi.
Prova anche tu Realisti.co!

4. La pratica rende perfetti

Per molti agenti immobiliari le presentazioni e gli script sono attività secondarie nel processo di vendita, ritenendo invece prioritaria la fase di visita dell’immobile e della negoziazione. Questo li mette in una posizione di svantaggio rispetto a quegli agenti che invece sono preparati a gestire questi strumenti.

Per non restare indietro, ogni giorno dedica un po’ di tempo del tuo lavoro da casa a creare contenuti e a fare prove, in modo da avere conversazioni fluide e professionali con i tuoi clienti. Esercitati finché non padroneggi completamente i contenuti e le presentazioni. In tal modo, mentre la presentazione scorre autonomamente sullo schermo, potrai parlare senza incertezze e con scioltezza, dedicando tutta l’attenzione al cliente. 

Segui questi consigli e potrai davvero conciliare la vita privata ed il lavoro, con concreti risultati in termini di salute e produttività.

Anche in tempi di smart working!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...